Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | June 22, 2021

Scroll to top

Top

Il commercio tra App e mobile, così gli italiani cambiano abitudini

mobile-commerceLa prima applicazione e-commerce di eBay questa settimana compie cinque anni. Da quel primo giorno sono seguiti ben 160 milioni di download e da una nuova ricerca di eBay è evidente il mutamento dell’atteggiamento dei venditori, sempre più attenti ad intercettare i clienti in ogni luogo nell’affollato mercato globale.

Lo scorso anno a livello globale, infatti, oltre un milione di applicazioni dedicate ai consumatori sono entrate nella fase di sviluppo, quando brand e venditori hanno iniziato a trarre vantaggio dalla possibilità di intercettare i consumatori tramite i loro smartphone e tablets.

Nel dettaglio, il 42% delle applicazioni che riguardano prodotti o servizi hanno raggiunto la fase di lancio, con poco meno di 73mila applicazioni rese disponibili nell’app store nel 2012. Per la maggior parte a carattere informativo, circa il 18% delle applicazioni consentivano invece ai consumatori di acquistare prodotti, un dato che sottolinea l’importanza del mobile nella crescita dello shopping “sempre e ovunque”.

Un risultato che fa il paio con quanto emerso, a livello Italiano, dallo studio “Il Futuro del Commercio”, realizzato per eBay dal Politecnico di Milano, secondo cui i “Merchant mobile” sono passati dai 54 dell’aprile 2011 (26%) ai 110 (52%) dello stesso mese di quest’anno, con una crescita del +52% (da 23 a 35 merchant) di quanti hanno utilizzato una App nella loro offerta. In particolare, sul 52% di venditori che si affidano al mobile, il 33% sfrutta questo canale per rivolgersi al consumatore nell’ambito della Selezione e dell’acquisto, il 31% per il pagamento e il 32% nel post vendita.

Il valore delle vendite mobile, secondo le previsioni del Politecnico di Milano, dovrebbe superare nel 2013 i 420 milioni di euro (pari al 4% circa del totale eCommerce), in crescita del 160% rispetto al 2012 (164 milioni di euro).

Molti marchi e rivenditori stanno giustamente creando le proprie app per l’accesso da parte di compratori fidelizzati ma, se vorranno crescere suIl’eCommerce con volumi significativi, avranno bisogno di essere presenti nelle piattaforme dove grossi volumi di domanda e offerta si incontrano: i marketplace multicanale. – spiega Giovanni Fantasia, direttore generale di eBay in Italia – eBay offre ai consumatori l’accesso al più grande marketplace del mondo da un’unica applicazione (oltre che dal proprio sito), ed è per questo che molti brand e venditori professionali lungimiranti utilizzano eBay come parte della loro strategia mobile. Noi siamo un partner, non un competitor, e offriamo una piattaforma dove si prevede che nel 2013 il valore del fatturato via mobile arrivi a 20 miliardi di dollari.”

Sul fronte dei consumatori, invece, secondo l’ultima rilevazione commissionata da eBay a NetComm e Human Highway, l’8,9% degli acquisti online ad aprile 2013 risulta generato attraverso un dispositivo mobile: in poco più della metà dei casi (4,6%) si è trattato di un PC/tablet. La stragrande maggioranza (90% delle transazioni online) è ancora gestita con un PC tradizionale ma questa quota – secondo quanto hanno rilevato i ricercatori – sta velocemente calando, al ritmo di mezzo punto percentuale per mese.

Il mobile e le App – conclude Giovanni Fantasia – si confermano sempre più come strumenti irrinunciabili per venditori e acquirenti, all’insegna di una nuova dimensione del commercio che ci porterà verso il cosiddetto “total retail”, un negozio senza confini che amplia il mercato potenziale di prodotti e clienti, un’opportunità unica per consumatori e aziende”.