Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | January 24, 2022

Scroll to top

Top

Bitcoin, la nuova frontiera del commercio online - Diritto di critica

bitcoinI Bitcoin sono la dimostrazione moderna che il denaro è una convenzione e che le nuove convenzioni, se dovessero mai diventare “di massa”, rischierebbero di sovvertire le normali transazioni. Moneta inconsistente con un valore ancora non meglio definito (è partita dai 200 dollari per arrivare a una quotazione superiore ai 1.200 dollari), ha raggiunto una diffusione tale da essere stata vietata pochi giorni fa nel settore finanziario anche dalla Cina e da uno dei maggiori marketplace del mondo, come Alibaba (sempre cinese). E se alcuni hanno deciso di “bannare” la nuova moneta elettronica, la casa di giochi social Zynga l’ha appena ammessa per gli scambi. Generare la moneta virtuale, però, non è semplice come si potrebbe credere: servono hardware e attrezzature molto potenti, che agiscono sulla base di complessi calcoli matematici.

Da dove viene però la moneta che tanto sta facendo appassionare quanti perfezionano scambi commerciali sul web? Dei Bitcoin si parlò per Skill Road, il mercato della droga chiuso di recente: usata per traffici illegali, la criptomoneta non lasciava traccia. Un successo confermato e alimentato tanto dall’attenzione che il Senato degli Stati Uniti ha dedicato proprio ai Bitcoin, quanto dalla fama che questa moneta si è guadagnata sui media e che l’ha portata ad acquisire valore giorno dopo giorno: a marzo scorso il valore mondiale delle transazioni effettuate tramite Bitcoin sfiorava il miliardo di dollari, ad oggi siamo a otto miliardi di dollari. E c’è chi ipotizza che a questi ritmi nel 2020 si arrivi a oltre 300 miliardi di dollari.

Che futuro abbiano i Bitcoin, nessuno può dirlo. Per ora pare un vero successo. Tanto che se anche la criptomoneta fosse destinata al fallimento, si tratterebbe certo di un esperimento ben riuscito, migliorabile e ripetibile, magari con mezzi e strumenti più potenti.

Twitter@emilioftorsello

Comments

  1. Matteo Setti

    “I Bitcoin nascono su Skill Road, il mercato della droga chiuso di recente”

    Bugia: i bitcoin non nascono affatto su silkroad.

    it.wikipedia.org/wiki/Bitcoin

    Questa è pessima informazione che uccide il giornalismo ed ogni nuovo argomento sconosciuto alla maggior parte dei cittadini.

  2. Matteo Setti

    E’ stato corretto l’articolo.
    Bene… Buon lavoro.