Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 21, 2020

Scroll to top

Top

Beppe Grillo? Il MoVimento 5 Stelle lo scaricherà - Diritto di critica

Beppe Grillo? Il MoVimento 5 Stelle lo scaricherà

L’ANALISI – Beppe Grillo finirà “scaricato” dal suo stesso Movimento. E i segnali lanciati da sindaci neoeletti come Pizzarotti, sono inequivocabili e anticipano cosa potrebbe accadere nel caso in cui il Movimento 5 Stelle riuscisse ad approdare in Parlamento.

In un’intervista rilasciata al Messaggero, infatti, il sindaco di Parma così si esprime in merito al comico genovese che ormai fa da “portavoce” al M5Stelle.

B come Beppe?
«No, guardi, non ha vinto Grillo. Ho vinto io. Lui ha seminato, ma poi il lavoro vero lo abbiamo fatto noi sul territorio».
Già non si sente più grillino?
«Grillo avrà meno importanza di prima. Non gli chiederò consigli su come si gestisce Parma, e non credo me li voglia dare. E poi, non condivido il termine grillino».
Ma davvero?
«Con questa espressione si tenta di ricondurre il nostro movimento agli schemi della politica personale, della solita politica dei Bersani e degli Alfano. Ma noi siamo un’altra cosa: cittadini che ascoltano altri cittadini e portano al governo le loro proposte».

E ai giornalisti che gli chiedevano se Grillo abbia intenzione di tornare a Parma, Pizzarotti ieri ha risposto tagliando corto: «come visita di cortesia è probabile, come comizio non ne sentiamo la necessità perchè porta via tempo a quello che è il lavoro»

Parole, quelle del neosindaco di Parma, che marcano una differenza netta tra gli appartenenti al Movimento 5 Stelle e il loro araldo, Beppe Grillo appunto. Alla base di tanta sottolineata distanza, la necessità di evidenziare che Grillo ha solo “seminato”, il resto è frutto della società civile. Quella stessa società civile i cui programmi elettorali sono stati spesso messi in ombra dalla verve del comico genovese e dalla sua furia antipolitica. Il referain “non chiamateci grillini”, infatti, ritorna ormai sempre più spesso nelle parole degli appartenenti al Movimento. E se da un lato le sparate di Grillo servono a dare visibilità al M5Stelle, dall’altro sono spesso ben lontane dalle intenzioni dei candidati, cui tocca accontentarsi di comparsate a braccetto con “Beppe”: a loro la sua benedizione.

Ma le frizioni con il leader del M5Stelle (sua la proprietà del simbolo) si sono manifestate già diversi mesi fa quando, all’inizio del 2012, il capogruppo dei grillini in Regione Emilia Romagna, Andrea Defranceschi, rischiò di essere defenstrato per aver difeso i lavoratori dell’Unità.

E proprio da questi segnali si comprende come, in caso di “approdo in Parlamento”, il Movimento 5 Stelle potrebbe a un certo punto decidere di scaricare Grillo. Il comico, infatti, non è candidabile per una condanna passata in giudicato e si troverebbe a fare da portavoce a un soggetto politico che a quel punto potrebbe mal digerire o essere in palese disaccordo con certe “sparate” populiste da palcoscenico. Di contro, in Parlamento il M5Stelle dovrebbe indicare un referente (se non addirittura un candidato premier, viste le potenziali percentuali che sta guadagnando nei sondaggi) che – secondo la prassi grillina – dovrebbe comunque continuare a camminare nel solco voluto da Beppe Grillo (vedi il caso Defranceschi). Un sistema – appare evidente – che rischierebbe di sfasciarsi alla prima occasione. Ma non è tutto. Una volta in Parlamento, infatti, il M5Stelle avrebbe ancor meno bisogno dell’attenzione mediatica procuratagli dal comico genovese e potrebbe decidere di gestire la “comunicazione esterna” in proprio: niente più palcoscenici né comizi.

E le avvisaglie di questa deriva già ci sono. “Grillo – ha sentenziato proprio Pizzarotti – avrà meno importanza di prima. Non gli chiederò consigli”.

Twitter@emilioftorsello 

 

Comments

  1. Filippo

     che articolo del cazzo!!!!
    Pesssssimo, è ovvio che grillo esca dal movimento lo ha detto dall’inizio!!

  2. Elsoulfleh

    Torsello, ma ti pagano per imbrogliare i lettori??? Valà che siamo meno fessi di quello che tu credi!

  3. Luc

    Non sapete più cosa inventarvi,,
    siete in una morsa,, e ogni giorno il M5S da un giro di vite,,

  4. Balduks

    Se la gestione va fatta dalla gente, com’e’ che Grillo interviene a due gambe tese non appena c’e’ qualcosa fuori dagli schemi?

    Se esiste un non-statuto, custode di esso sono la moltitudine che l’ha generata. Non abbiamo bisogno del corpo preposto al mantenimento dell’ortodossia di pensiero, ne’ di uno pseudo-papa.

    Quello che fa Grillo lo fa ( dovrebbe fare) per sua libera scelta e per dovere civico. Ma non esiste nessun debito di riconoscenza da onorare in cambio di un allentamento dei principi fondanti di trasparenza, onesta’ e gratuita’ di servizio. Grillo non ha nessun credito aperto col Movimento, ne dovra’ averlo mai.

    C’e’ poi una storia ben poco chiara che Grillo dovrebbe chiarire al piu’ presto

    http://www.facebook.com/groups/solo5stelle/permalink/439912439352520/

    Io l’ho scoperta per bene solo oggi e mi sono cadute le braccia e le gambe, oltre che la mascella.

    Qui c’e’ qualcosa da chiarire urgentemente, piu’ urgentemente che operare una peritonite acuta.
     

  5. Balduks

    Se la gestione va fatta dalla gente, com’e’ che Grillo interviene a due gambe tese non appena c’e’ qualcosa fuori dagli schemi?

    Se esiste un non-statuto, custode di esso sono la moltitudine che l’ha generata. Non abbiamo bisogno del corpo preposto al mantenimento dell’ortodossia di pensiero, ne’ di uno pseudo-papa.

    Quello che fa Grillo lo fa ( dovrebbe fare) per sua libera scelta e per dovere civico. Ma non esiste nessun debito di riconoscenza da onorare in cambio di un allentamento dei principi fondanti di trasparenza, onesta’ e gratuita’ di servizio. Grillo non ha nessun credito aperto col Movimento, ne dovra’ averlo mai.

    C’e’ poi una storia ben poco chiara che Grillo dovrebbe chiarire al piu’ presto

    http://www.facebook.com/groups/solo5stelle/permalink/439912439352520/

    Io l’ho scoperta per bene solo oggi e mi sono cadute le braccia e le gambe, oltre che la mascella.

    Qui c’e’ qualcosa da chiarire urgentemente, piu’ urgentemente che operare una peritonite acuta.
     

  6. Usignolo1965

    Sono degli strilloni altro che giornalisti !!!!!

  7. Info

    A dire il vero, comincio ad essere stanco anche dei Giornalisti di Bassa Lega….Loro fanno e loro disfanno….praticamente fanno tutto loro….

  8. Dovrebbero essere riportati fatti e non considerazioni, tutto l’articolo parte da un idea ed estrapola ed interpreta le frasi in modo da trovare le proprie conferme.
     Sulle affermazioni che Pizzarotti fa in merito al lavoro sul territorio è legittimo e anche scontato esclusione di Grillo. Il concetto alle persone vicine al Movimento 5 stelle è chiaro, lo è  meno per chi ancora è troppo distante. Vi lascio scoprire da soli cos’è il Movimento 5 stelle ma finchè cercherete di ingabbiarlo in definizioni sature……sarete in alto mare…in bocca al lupo

  9. Sinceramente non capisco la tua risposta. I cittadini non significa nulla perché anche chi vota Berlusconi è cittadino. Anche i fascisti, gli omofobi e i padroni sono cittadini. Voler rappresenare i cittadini non significa niente, non è un progetto politico.

  10. Netalan

    ma questi non ci capiscono proprio niente… sono talmente ancorati alle logiche e schemi dei partiti politici tradizionali da non poter nemmeno concepire qualcosa di diverso.. Grillo insieme a Casaleggio sono diciamo i fondatori, gli ideatori, di un movimento che nasce per portare i cittadini in politica e nelle istituzioni per attuare un cambiamento dal basso; per come i fondatori lo hanno pensato è da escludere che loro stessi se ne mettano alla guida… quindi è normale che una volta che un candidato del movimento a 5 stelle sia eletto possa poi camminare con le proprie gambe, anzi l’auspicio è proprio che lo faccia, senza dipendere da Grillo! Il Movimento a 5 stelle nasce per rompere lo schema dei partiti politici tradizionali fatti per ingabbiare le iniziative dei singoli a favore degli interessi dei vertici, ben venga un movimento politico che non mette le manette ai singoli rappresentanti.. quello che conta nel movimento a 5 stelle è il bene comune di tutti non dei vertici di partito; comunque è normale che i politicanti ed affaristi fatichino a concepire un cambiamento reale anzi è da sperare, sono talmente miopi che si spazzeranno via da soli e con loro tutti i servi e servetti più o meno proni di tutti i media…