Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | December 3, 2021

Scroll to top

Top

C'è la crisi? Allora si licenziano solo le donne - Diritto di critica

C’è la crisi? Allora si licenziano solo le donne

Se la crisi colpisce l’azienda, si licenziano solo le donne. Motivazione? «Così possono stare a casa a curare i bambini». Non è una battuta, ma la spiegazione portata dall’azienda Ma-Vib di Inzago, nell’est milanese, per giustificare l’annuncio di oggi di voler licenziare 10-13 dipendenti su 30. Dipendenti rigorosamente ed esclusivamente  donne. A denunciare la discriminazione è stata la Fiom Cgil di Milano, che ha indetto per domani mattina uno sciopero ed un presidio davanti alla sede della Ma-Vib a Inzago per protestare contro l’atteggiamento arbitrariamente discriminatorio nei confronti delle lavoratrici di sesso femminile.

La Ma-Vib è stata fondata nel 1965 e produce motori elettrici per gli impianti di condizionamento, refrigerazione, aerazione e riscaldamento: 30 gli operai alle dipendenze dell’azienda fino ad ora, di cui 12 uomini e 18 donne. E’ di oggi invece la notizia, ripresa dal sindacato, che saranno licenziate tra le 10 e le tredici dipendenti a causa di un calo di produttività dovuto alla crisi economica in atto da qualche anno: la Fiom Cgil ha evidenziato come «lo scorporo per genere è obbligatorio, in questo caso, perché l’illuminato gruppo dirigente aziendale per fronteggiare un calo produttivo ha deciso prima di mettere in cassa integrazione per brevi periodi (senza accordo sindacale) le operaie (solo le donne) e, oggi, di annunciare il licenziamento di 10-13 lavoratori scegliendoli rigorosamente di sesso femminile». Il sindacato, inoltre, ha ironicamente definito “brillante” la motivazione data dall’azienda in sede Api sul distinguo tra dipendenti di sesso maschile e femminile: «licenziamo le donne così possono stare a casa curare i bambini e poi, comunque, quello che portano a casa è il secondo stipendio…».

«Fermo restando – conclude il comunicato della Fiom nel quale si annuncia il presidio – che lo stato di famiglia delle lavoratrici della Ma-Vib è affare solo loro, al no ai licenziamenti si aggiunge comunque l’indignazione per il becero, offensivo e discriminatorio atteggiamento dell’ azienda».

Comments

  1. Sandy

    Ma… non capisco, non esistono in Italia delle leggi contro la discriminazione sul lavoro? Come possono permettersi di dire tranquillamente una cosa del genere e passarla liscia?