Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | December 4, 2021

Scroll to top

Top

"Islamici violenti". Così l'FBI mette in guardia i suoi agenti - Diritto di critica

“Islamici violenti”. Così l’FBI mette in guardia i suoi agenti

L’Islam è il nemico. Così negli Usa il governo organizza corsi islamofobi per la formazione degli agenti dell’FBI. E’ scandalo negli Stati Uniti per la pubblicazione di un documento appartenente al famosissimo Federal Bureau of Invesitgation che presenta la religione islamica come violenta per natura.

È stato il sito americano Danger Room a rendere noto il documento destinato alla formazione degli agenti federali specializzata nella lotta al terrorismo. Nel corso di formazione nessuna distinzione viene fatta tra musulmani, islamici radicali e terrorismo.

Nella foto compare il documento nel quale compaiono le tre principali religioni monoteiste e la loro evoluzione nella storia in rapporto alla violenza. Secondo questa analisi la religione musulmana non avrebbe conosciuto alcun processo di moderazione a differenza del cristianesimo e della religione ebraica. Per questo motivo, gli agenti devono porre particolare attenzione ai musulmani più devoti perché la loro devozione è proporzionale al grado di violenza raggiungibile.

In seguito alle rivelazioni del sito Danger Room, l’FBI ha preso le distanze affermando che il documento era una bozza che è già stata sostituita e che comunque rappresentava unicamente le opinioni dell’autore che non sono necessariamente quelle di un qualsiasi agente del governo americano.

La pubblicazione del documento dell’FBI è solo l’ultimo di tanti casi di islamofobia che stanno riempiendo le cronache americane. Secondo gli ultimi sondaggi condotti negli Stati Uniti solamente il 37% della popolazione ha dichiarato di avere un’opinione favorevole verso l’Islam. L’istituto statunitense “Center for American Progress Action Fund” ha svolto uno studio sul fenomeno dell’islamofobia. I risultati sono stati pubblicati nel rapporto “The Roots of the Islamophobia Network in America”. La crescente islamofobia è l’esito non casuale di una propaganda mediatica che sta diffondendo nel paese l’idea dei musulmani come nemici. Dietro a tutto questo una fitta rete di think-thank (Frank Gaffney del Center for Security Policy; David Yerushalmmi della Society of Americans for National Existence; Daniel Pipes del Middle East Forum; Robert Spencer della Jihad Watch and Stop Islamization of America e Steven Emerson dell’Investigate Project on Terrorism), media e anche organizzazioni caritatevoli (alcune delle quali sostenute da famiglie ebraiche) che lavorano senza soste per tutto il paese con il fine preciso di radicalizzare nella società un sentimento anti-islamico, definendo la legge islamica come “ideologia totalitaria” ed una dottrina che mirerebbe a distruggere la civiltà occidentale.

Questa situazione non può che comportare la formazione di terroristi come Andres Breivik, protagonista della strage che ha sconvolto la Norvegia lo scorso 22 luglio.

Comments

  1. Marco

    E chi può dire che non è vero che la legge islamica è un’ideologia totalitaria? Il documento non dice altro che la pura verità, l’islam è una religione che proclama la violenza come metodo di “conversione”, e se non ci credete, andate a leggere il corano. Questi islamofili fanno proprio schifo, difendono l’indefendibile. Perché non ve ne andate a vivere tranquillamente in un paese islamcio, e così godete della “tolleranza” e la “libertà” che vi offre la shariah? Idioti!

    • Giuliano

      Bravissimo, sottoscrivo ogni tua singola parola. Io non discriminerei mai nessuno per la sua fede, ma un conto è essere islamici e integrati nel nostro mondo (conobbi una ragazza francese a Londra che lo era) mentre un altro contro sono gli integralisti, gli estremisti (non pochi) come quelle ragazze che, lungi da quella che ho conosciuto a Londra, vanno in giro coprendosi il volto e sottomettendosi al volere del loro uomo. Questi individui, con il loro comportamento, non fanno altro che contrastare anni e anni di lotte per l’emancipazione femminile. Vi sembra poco? Leggetevi Oriana Fallaci e aprite gli occhi.

      • Leggetevi Oriana Fallaci e aprite gli occhi.

        Per carità!!! Leggetevi il trattato sulla tolleranza di Voltaire, che magari aprite gli occhi.

        • max

          No, perfavore, comincia tu a metabolizzare l’idea che nemici e traditori sono entrambi dalla stessa parte, e che l’unico metodo solubile, è quello di cacciarli entrambi prima che il discorso diventi violento. Poi capito questo, ascolta i discorsi degli islamici, che uccidono i cristiani copti, anche bruciandoli vivi, e capirai che non è diverso da quanto ho scritto io. Loro asseriscono lo stesso concetto verso i cristiani, ovvero cacciarli con ogni mezzo per evitare la cristianizzazzione delle loro terre. Percui, leggi cosa cavolo ti pare, ma sul fronte, se tu non mi colpirai alle spalle, io sicuramente ho un colpo in canna pure per te, illuminista dei cristiani.

  2. Dranzer

    Non è razzismo questo, è la pure realtà.
    Un islamico convinto per sua natura, vede tutti gli altri come “infedeli” o un pò come un amante dei bambini vedrebbe bene un pedofilo..
    Anche conoscendo alcune persone islamiche mi confermano la stessa cosa, addirittura una ragazza islamica una volta ha detto ad una sua amica italiana “che schifo quel ragazzo..è cattolico! :S”

  3. Io

    Purtroppo che vi piaccia o no, l’islam è questo…
    E loro sono così… Per la loro religione farebbero di tutto…
    E fanno di tutto…

    Ogni uno a casa propria…
    Questa è la soluzione!!

    Altro che integrazione…

    Volete integrarvi ? Andate la da loro…
    Ma qui… A casa mia!!! NON LI VOGLIO!!!
    Datemi pure del razzista, non me ne strafrega una s…a….

    E voi islamici, occhio a chi avete alle spalle…
    Perchè se ci sono io … Vi i…..o…