Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | December 3, 2021

Scroll to top

Top

Indignados e forze dell'ordine, tutti i numeri della manifestazione di oggi - Diritto di critica

Indignados e forze dell’ordine, tutti i numeri della manifestazione di oggi

Il timore è che domani tutto precipiti proprio come accadde il 14 dicembre scorso e che il corteo non arrivi nemmeno alla metà del tragitto, tentando di raggiungere i Palazzi delle Istituzioni. Che – informazione di servizio – saranno oltretutto vuoti dato che la maggior parte dei parlamentari è tornata a casa questa sera.

Secondo quanto ha fatto sapere poco fa Francesco Raparelli, uno dei promotori della protesta degli indignados, sarebbero in viaggio verso la capitale almeno 750 pullman. Molti altri, invece, arriveranno in treno o con mezzi propri. In tutto gli organizzatori sperano di portare a Roma almeno 100mila persone. Ciò che è certo è che domani Roma sarà blindata e da molte parti si mormora di un’atmosfera simile a quella di Genova 2001.

In preallarme anche le associazioni di soccorso sanitario a cui è stata richiesta disponibilità a fornire volontari per coprire più turni, anche nella giornata di domenica.

Camminando per la Capitale, questa mattina si potevano leggere scritte comparse nella notte sui muri delle stazioni delle metropolitane – “Cappuccio alzato e fazzoletto… 15.10”, oppure “Non siamo indignati, siamo incazzati” – quasi tutte firmate con la A degli anarchici.

A differenza di quanto visto nelle manifestazioni pacifiche in Spagna, dunque, il rischio è che domani nella manifestazione si infilino i soliti elementi capaci solo a menare, lanciare sanpietrini e spaccare le vetrine. Gentaglia insomma che già il 14 dicembre scorso diede prova di “lotta politica” incendiando utilitarie nei pressi di piazza del Popolo, automobili che certo non appartenevano alla casta ma a comuni lavoratori.

La manifestazione farà una gran figura – invece – se saprà raggiungere il palco di Piazza San Giovanni senza scontri, in modo composto, disattendendo ciò che una maggioranza in difficoltà aspetta con ansia: gli scontri e la possibilità di ergersi a unico tutore dell’ordine contro i violenti. Un modo come un altro per riaffermarsi agli occhi degli italiani che da sempre poco sopportano le città messe a soqquadro.

E di manifestanti intelligenti in piazza ce ne saranno tanti. Persone e cittadini capaci di superare la stanchezza cronica nostrana per cui è sempre meglio delegare ad altri ciò che si potrebbe fare in prima persona. Il timore è che si presentino anche i cosiddetti “blac block”, gentaglia che della lotta politica e di classe sa ben poco ma se ne riempie comunque la bocca per spaccare e distruggere.

Per prevenire qualsiasi assalto, la città sarà divisa in zone, ognuna delle quali affidata ad un funzionario di polizia. Si tratta di una strategia per poter meglio controllare il territorio, così come avvenuto per la cerimonia di beatificazione di papa Giovanni Paolo II. Sul campo – secondo quanto comunicato nei giorni scorsi dal prefetto di Roma – ci saranno oltre duemila agenti tra Carabinieri e Polizia in tenuta antisommossa, il doppio rispetto a quanti ne furono dispiegati in occasione della manifestazione del 14 dicembre 2010. Schierati a difendere palazzi vuoti.

 

Comments

  1. Sempre facile parlare quando non si conosce la vita privata e lavorativa delle persone con le quali si discute.

  2. Mi chiedo come mai ultimamente siano comparsi così tanti contestatori “a prescindere” su queste pagine…