Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | May 15, 2021

Scroll to top

Top

La Fontana di Trevi si sgretola. Alemanno chiede aiuto agli amici

La Fontana di Trevi si sgretola. Alemanno chiede aiuto agli amici

La Fontana di Trevi si sgretola. Emergenza. Siamo nel paese delle emergenze, quindi si tratta dell’ordinario. Ma come per gli Europei di nuoto del 2009, la parola emergenza serve a nascondere – a quanto pare – giochi e giochini per favorire amici e compagni (o camerati). Così, Gianni Alemanno – senza gare d’appalto – ha trovato lo sponsor per intervenire sulla celebre fontana. Si tratta dell’Acqua Claudia.

Lo sponsor piglia tutto Sono 200mila euro i soldi messi a disposizione dal patron della nota acqua minerale della Capitale, Mauro De Dominicis. Ma avrà diritto all’esclusiva pubblicitaria in uno dei luoghi più esclusivi di Roma se non di tutto il mondo. Un’offerta che, con ogni probabilità, non riuscirà a coprire tutte le spese di restauro. Ma certamente rappresenterà un’opportunità unica per l’Acqua Claudia, un’opportunità che forse vale più di 200mila euro.

Il conflitto di interessi di Alemanno. Ma per questo sponsor non c’è stata alcuna gara. Siamo in emergenza. Così, è stato negato ad altri imprenditori la possibilità di finanziare il restauro. Un’opportunità in più per Roma Capitale di risparmiare denaro pubblico in un periodo particolarmente delicato per le finanze degli enti locali. Ma non c’è molto da stupirsi. Infatti, secondo il Fatto Quotidiano, il patron dell’Acqua Claudia è anche “presidente di Bse, un gruppo di cui fa parte Data Monitor, l’istituto di ricerca di mercato, il cui amministratore delegato è proprio De Dominicis, che ha come direttore generale Natascia Turato, moglie di Luigi Crespi, spin doctor di Alemanno”. E, per chi non ricordasse bene, Data Monitor è quell’istituto di ricerca che, dopo la tragica nevicata di Roma, indicava Alemanno come quarto sindaco d’Italia per gradimento. L’unico…mentre gli altri lo danno in caduta libera. L’ultima mossa di un’amministrazione senza ritegno dopo lo scandalo di Parentopoli.

Twitter: @PaoloRibichini