Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | December 3, 2021

Scroll to top

Top

Il facchino egiziano e la superiore "donna". Scoppia il caso a Venezia - Diritto di critica

Il facchino egiziano e la superiore “donna”. Scoppia il caso a Venezia

Si rifiuta di prendere ordini da una governante e si licenzia, l’hotel lo reintegra e gli affianca un “mediatore”. L’episodio è avvenuto presso il noto Hotel Danieli di Venezia e ha visto protagonista un facchino egiziano che non riusciva ad accettare l’affronto di dover prendere ordini da una donna, in quanto contrario ai principi della religione islamica, ovviamente secondo la sua personale interpretazione.

L’uomo decide dunque di licenziarsi ma, dopo essersi reso conto delle difficoltà nel trovare una nuova occupazione, decide di tornare sui propri passi e si ripresenta al Danieli dove viene nuovamente assunto e affiancato da un collega uomo che viene messo a fare da “tramite” tra lui e la governante. Un fatto che ha destato scalpore e irritazione sia nel mondo politico che presso l’opinione pubblica; l’assessore e sociologo Gianfranco Bettin ha affermato: “Significa accettare che possa considerare qualcuno indegno o inferiore, in questo caso in base al genere”.

Dura la reazione della capogruppo del Pd Laura Puppato: «Il facchino musulmano non ha titolo per discutere la nostra Costituzione. Una notizia che ci riporta a tempi bui, quando l’inferiorità della donna era un teorema indiscusso». Contrariata anche l’assessore veneto al Lavoro, Elena Donazzan: «Avrei preferito che si licenziasse e si lasciasse il posto ad un italiano magari padre di famiglia, più rispettoso della nostra civiltà e cultura e magari fosse tornato a casa sua a prendere ordini da un uomo».

Le critiche arrivano anche dall’imam di Venezia, Hammad Mohammad, il quale afferma di non comprendere per quale motivo l’egiziano abbia voluto attribuire una motivazione religiosa a una faccenda personale e aggiunge che l’Islam non vieta in alcun modo a un uomo di avere una superiore donna visto che lo stesso profeta Maometto è stato per anni alle dipendenze di una donna, Khadija, prima di sposarla; in aggiunta non vi sono indicazioni nel Corano e nella tradizione profetica che evidenzino tale divieto.

Così, mentre il direttore Cristophe Mercier si dichiara sorpreso e afferma di non averne saputo nulla direttamente, il responsabile di area Venezia della Starwood ordina ai dipendenti il silenzio stampa. Contattata da Diritto di Critica, la direzione non ha rilasciato alcuna dichiarazione né ha richiamato per chiarire la vicenda (come aveva invece assicurato telefonicamente).

Nella giornata di mercoledì succede però qualcosa di inaspettato, il Gazzettino di Venezia pubblica un’intervista ad un anonimo dipendente del Danieli che ha seguito molto da vicino la vicenda e che dichiara: “Il facchino egiziano ha detto alla governante che non voleva prendere ordini da una donna e se n’era andato. Poi ha capito di avere sbagliato ed è ritornato sui suoi passi. Ora è perfettamente integrato: ha accettato le disposizioni dell’azienda. La governante non è stata sminuita, diciamo che in una serie di situazioni viene supportata da un collega maschio. Questa è una vicenda di integrazione, non altro. L’albergo dovrebbe riconoscerlo e andarne orgoglioso, anziché cercare di nasconderlo e scatenare la caccia a chi ha diffuso la notizia”.

L’interlocutore parla poi della situazione attuale della governante: “Continua a lavorare come sempre, è la responsabile di quello che avviene al piano. Lavora con il facchino e si relaziona con lui, al pari di tutti gli altri. Quando è necessario, ad aiutarla nel suo compito c’è un collega maschio. Ma nessuna discriminazione”.

In primis ci si potrebbe chiedere cosa ha spinto l’egiziano a cambiare idea così in fretta e a diventare improvvisamente un “perfetto modello di integrazione”; in periodi di crisi economica avvengono dei veri e propri miracoli.

In aggiunta, se l’uomo è ora perfettamente integrato, allora per quale motivo è sorta l’esigenza di affiancargli un collega di sesso maschile per “una serie di situazioni”? E quali sarebbero queste “situazioni” a cui fa riferimento l’anonimo dipendente?

Sempre secondo quest’ultimo si tratterebbe di una vicenda di integrazione di cui l’albergo dovrebbe andare fiero; al di là del reintegro che desta non poche perplessità anche da un punto di vista costituzionale, il fatto stesso di dover porre un tramite tra il dipendente egiziano e la governante non è già di per se un risultato di pessima integrazione e discriminazione? Si può veramente andare fieri di un risultato del genere?

AGGIORNAMENTO: “Non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione ufficiale scritta dal dipendente – riferisce il direttore Christophe Mercier – noi rispettiamo tutte le persone che lavorano con noi e se ci fosse stato posto il problema avremmo potuto agire”.

 

Comments

  1. ma chi è questo facchino per usargli tutti questi riguardi: il nipote di mubarak?!

  2. Gabriella, Lei ha puntualizzato una questione di non poco conto: chi è
    questa persona e per quale motivo l’hotel ha deciso di reintegrarlo?
    Secondo alcuni perchè si tratta di un bravo dipendente ma ciò può essere
    motivo sufficiente per procedere con un reintegro e andare incontro
    a tutte le relative conseguenze? Mi è capitato di parlare con persone
    che lavorano nel settore delle risorse umane e sono alquanto perplesse
    al riguardo. Si tratta di un episodio che non ha certo fatto buona
    pubblicità a un hotel di questo calibro e ciò non era certo di difficile
    previsione, dunque perchè correre un tale rischio? Per quale motivo riassumere questa persona è risultata una priorità tale da mettere a
    rischio persino l’immagine del Danieli?

  3. VOPICE

    TUTTA STA STORIA MI DA IL SENTORE DA STRONZATA IPERGALATTICA!!!!!! MEGLIO ANDARE IN PENSIONE CHE IN ALBERGO ALMENO LI STI PROBLEMI NON CI SONO PERCHE’ I BAGAGLI TE LI PORTI TU……..

  4. Entità sempre vigile

    ma pensa te…anche coccolati…non solo rubano il lavoro perchè si fanno sottopagare dagli albergatori ladroni, e infami, ma vengono anche lecc…nati per tornare al loro posto ed essere reintegrati…sono schifato dall’Italia e non vedo l’ora di andare via…MI FA SCHIFO L’ITALIA IL MODO DI VIVERE, LA GENTE PECORA E TUTTO IL BUSINESS MARCIO DEL RISPARMIO CHE AVETE..

  5. PaoloRibichini

    Non è affatto vero che gli immigrati (quelli regolari che sono la stragrande maggioranza) vengono mantenuti dagli italiani. Quelli regolari pagano come tutti l’Inps e le tasse