Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 16, 2021

Scroll to top

Top

Grillo dice No, alle elezioni in Sardegna non ci sarà il M5S

M5S ha perso le elezioniAlla fine Beppe Grillo ha detto no. Alle elezioni regionali in Sardegna il MoVimento 5 Stelle non ci sarà. Il comico genovese, unico proprietario del simbolo ha negato il suo utilizzo sull’isola. Ieri sera è, infatti, scaduto il termine ultimo per presentare il logo e le liste. Così, i pentastellati, che meno di un anno fa avevano raccolto quasi il 30% delle preferenze, si sono esclusi da soli dalla competizione elettorale. Nessuno, questa volta, può gridare al complotto, perché se di complotto si può parlare, in questo caso è tutto interno.

I 5 Stelle sardi divisi. La decisione di Grillo nasce ufficialmente da un problema legato alla selezione delle candidature. Il metodo utilizzato non pare conforme al “Non-Statuto” del MoVimento. Le modalità scelte, si leggerebbe in un comunicato dei 5 Stelle “non sarebbero alcuna garanzia di veridicità e di rappresentatività”. Ma c’è altro. In primo luogo i gruppi pentastellati sull’isola sarebbero molto divisi tra di loro, tra protagonismi e, soprattutto, idee diverse sul futuro della Sardegna. Perché non basta essere onesti e con tanta voglia di cambiare per ritrovarsi dalla stessa parte quando in politica lo spot lascia spazio ai problemi reali da affrontare.

La Sardegna, un boomerang per Grillo. C’è poi il sospetto che dietro la scelta di Beppe Grillo di rifiutare l’uso del simbolo ci sia anche il timore di trasformare la Sardegna in uno spot negativo in vista delle elezioni europee, vero ed unico obiettivo del duo Grillo-Casaleggio. Meglio sacrificare la regione di fronte ad un possibile risultato negativo o disastroso, perché Grillo sa bene che a livello regionale il M5S non ha più replicato il risultato delle elezioni politiche, nonostante i proclami di enormi successi.

Lista civetta o lista di dissidenti? Ora, però, è spuntato un simbolo che richiama, nella grafica, quello del MoVimento. Non è ancora chiaro se sia una semplice lista civetta o se dietro ci siano dissidenti locali che abbiano deciso di disubbidire al Capo.

Comments

  1. Gianluca Giannini

    ma come zero commenti?

    ahi ahi ahi evidentemente c’è chi è rimasto senza parole … oppure non è riuscito ad andare oltre le balene siamesi in prima pagina!