Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | June 15, 2021

Scroll to top

Top

Libia: scatta l'operazione "Odissey Dawn" - Diritto di critica

Libia: scatta l’operazione “Odissey Dawn”

E’ partita l’operazione “Odissey Dawn” sui cieli libici. Ieri sera aerei francesi e britannici hanno colpito obiettivi militari delle forze fedeli a Gheddafi. Secondo il Pentagono sarebbero stati lanciati oltre 100 missili Tomahawk, mentre la tv di Stato libica ha affermato che sarebbe stato abbattuto un caccia francese nelle vicinanze di Tripoli. Immediata la smentita dei vertici militari di Parigi. Diverse migliaia di sostenitori del rais si sarebbero poi radunati accanto agli obiettivi sensibili.

Dalla base di Trapani-Birgi, intanto, le forze italiane hanno fatto sapere che i caccia sono pronti al decollo in quindici minuti. Secondo quanto riferiscono gli americani, l’operazione Odissey Dawn è stata guidata dal generale statunitense Carter Ham – a capo dell’Usafricom. Al termine dei raid, il comando delle operazioni è tornato alla coalizione degli alleati.

Problemi anche nel raccontare la guerra libica: l’emittente araba Al Jazeera ha fatto sapere che quattro suoi corrispondenti sono stati fermati dalle autorità libiche nell’Ovest del Paese.

Il comitato dell’Unione africana sulla Libia, infine, ha dichiarato  di rifiutare “ogni intervento militare straniero nel paese quale che sia la forma”.

APPROFONDIMENTI

L’ARSENALE BELLICO DI GHEDDAFI

LE FORZE DELLA COALIZIONE

Comments

  1. alessio di benedetto

    Quando Israele attaccò il Libano provocando 1500 morti nessuno ebbe l’ardire di rimproverare la 4^ potenza mondiale che stampa il denaro internazionale e possiede le maggiori banche mondiali. Quando Israele aggredì l’indifesa Gaza (Piombo Fuso) uccidendo 1400 vecchi, donne e bambini, nessuno invocò la risoluzione ONU per i crimini contro l’umanità perpetrati dal regime dittatoriale ed apartheid israeliano. Quando la Cina represse nel sangue la protesta tibetana nessuno pensò di andare a bombardare la Tigre dell’Asia. Ah dimenticavo: In Tibet non c’è il petrolio. Questa è un’altra pagina sporca che l’Europa, insieme con gli assassini statunitensi, stanno scrivendo sulle pagine macchiate di sangue della storia dell’umanità. Questo si chiama neocolonialismo, neoimperialismo, IV Reich, Nuovo Ordine Mondiale, altro che portare la democrazia con bombardamenti e carri armati.
    http://alessiodibenedetto.jimdo.com/