Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | July 18, 2024

Scroll to top

Top

Breivik con il saluto nazista in aula: "Non potete giudicarmi" - Diritto di critica

Breivik con il saluto nazista in aula: “Non potete giudicarmi”

Braccio alzato e pugno chiuso. Così Anders Breivik ha salutato il Tribunale di Oslo che lo giudicherà per 77 omicidi e un attentato dinamitardo nella capitale norvegese. L’estremista, impassibile di fronte alle 19 pagine di accusa, ha dichiarato di non riconoscere l’autorità della Corte perché “espressione di partiti che sostengono il multiculturalismo”.

“Non potete giudicarmi”. Anders Breivik ha deciso da tempo che la sua linea di difesa sarà l’attacco. Riconosce tutti gli atti a lui imputati: ovvero di aver sparato a 69 ragazzi inermi sull’isola di Utoya, riuniti ad una convention giovanile del partito laburista norvegese. E di aver piazzato la bomba che ha ucciso, lo stesso 22 luglio 2011, 8 norvegesi nel centro di Oslo. “E’ stata legittima difesa”, dichiarò subito dopo l’arresto: difesa “dal multiculturalismo” da cui si sentiva mortalmente minacciato.

Il processo, per Breivik, sarà uno spettacolo di megalomania. Al giudice Arntzen che gli chiedeva nome, stato civile e occupazione, ha risposto: “scrittore”, ma anche “comandante militare, dispensato dal comparire di fronte ad un tribunale penale”. E tanto per chiarire, non riconosce l’autorità del tribunale, perché il giudice è “conoscente dell’ex ministro della Giustizia Hanne Harlem e sorella dell’ex primo ministro laburista Gro Harlem Brundtland”: cioè un pezzo di quella casta multiculturalista che egli combatte.

Alla fine della lettura dei capi d’accusa – 19 pagine di nomi, orari di morte, gravità delle ferite ed età delle vittime – i giudici hanno ordinato una sospensione. Molti tra il pubblico erano in lacrime: non Breivik, che ha sfogliato con superficiale interesse il fascicolo dell’accusa.

Comments

  1. pugno chiuso???? il saluto nazista si fa così???

    • Sirio85v2000

      Ricordate che quello con mano aperta è il più noto, ma nei diversi paesi “colonizzati” dal nazismo ebbe espressioni diverse: tra questi la Romania della Guardia di Ferro, l’Ungheria delle Croci Frecciate, la Norvegia di Quisling.

      • Ferdinando Defenza

        Puoi citarne le fonti? Nemmeno su wikipedia si accenna a questa variante e per quanto ne so io il pugno alzato è tipicamente rivoluzionario e di sinistra

        • Sirio85v2000

          Due considerazioni. La prima è di ordine tecnico: il saluto di sinistra a pugno chiuso si fa, per l’appunto, con la sinistra (lo segnala lo stesso Wikipedia). La seconda è di ordine concettuale. Breivik ha espresso differenti posizioni ideologiche, talvolta contrastanti, nel libro da lui scritto e inviato ad alcuni conoscenti il 22 luglio, poche ore prima del massacro. In questo testo, di oltre 2000 pagine, si fondono posizioni ultraconservatrici cattoliche, dichiarazioni pro-aborto (in casi limitati), riferimenti al paganesimo nordico e diversi appelli ai fratelli ebrei vittime dell’Islam. Nello stesso testo, gli ebrei compaiono di volta in volta come fratelli o come nemici, complici di un abbrutimento della razza bianca europea. Anche in tema di nazismo, il giovane terrorista è contraddittorio, dal momento che ritiene un’idea “incompleta” il progetto finale di Hitler, in quanto trascura eccessivamente la vera minaccia, ovvero il mondo islamico. Eppure proprio sui testi del blogger neonazista Fjordman, forte di un milione di fan nel 2005, si è formato Breivik.
          Questo per dire che il gesto dell’imputato al processo di Oslo può avere significati contrastanti nella sua stessa mente, ma che di base resta legato all’ideologia razzista dell’Hertzland nordico e mitteleuropeo. Di sicuro, ha voluto far scalpore e delinearsi come quel “combattente idealista” che ritiene di essere.

  2. Marcopod

    mettiamo Breivik nel parlamento italiano, magari ci risolve alcuni problemi!