Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 20, 2021

Scroll to top

Top

Quando Grillo scriveva: "L’uscita dall’Euro condurrebbe il Paese alla rovina definitiva"

IL GRAFFIO – “L’Europa ci chiede di fare riforme strutturali e la Lega Nord si dichiara orgogliosa dei debiti accumulati e chiede di uscire dall’Euro, usato come alibi per una politica fallimentare. L’uscita dall’Euro condurrebbe il Paese alla rovina definitiva”. I grassetti non sono nostri ma dell’autore. E a scrivere queste parole era il comico a capo del MoVimento 5 Stelle, Beppe Grillo.

Come per il Porcellum e altre amenità, questa è l’ennesima dichiarazione contraddittoria che si trova spulciando il blog del comico autonominatosi “capo politico” del MoVimento. I suoi adepti probabilmente nemmeno si accorgono di una simile assurdità di pensiero politico e a Grillo giustificano tutto. Tanto che i recenti attacchi alla memoria della Shoah vengono liquidati come mere “provocazioni” dai più. L’avesse lanciata qualcuno del Pd o di Forza Italia – una “provocazione” simile – chissà se il MoVimento avrebbe giustificato in modo così deciso la loro trovata.

Detto questo, adesso Grillo ha cambiato idea. E i grillini diranno che solo gli stupidi non cambiano idea. Già, Grillo allora è intelligentissimo.

 

Comments

  1. Andrea Bruni

    come al solito la disinformazione sistematica crea questi equivoci . Laprima volta che ho sentito parlare Grillo di persona (prima della campagna elettorale ma alla raccolta firme per le politiche) diceva: “i meccanismi creati da un sistema criminale-finanziario che alligna nell’unione europea sta distruggendo la nostra economia e la vita delle persone. Dobbiamo andare in europa a ridiscutere i trattati mettendo come potere contrattuale il fatto che l’Italia potrebbe uscire dall’euro. Qualcuno mi dice che l’euro lo abbiamo scelto noi ed adesso non ci va piu bene….non è così il popolo italiano a differenza di altri non ha votato l’ingresso nella moneta unica ma il tutto è stato deciso nelle stanze del potere…quindi se si vuole sostenere questa tesi si deve votare adesso. Probabilmente sarebbe stato più giusto fare come l’inghilterra e la svezia e mantenere la moneta nazionale…o almeno avere come la Francia la possibilità di stampare moneta in proprio.” Le ‘sintesi’ da comizio e le ‘provvidenziali’ distrosioni di molti pennivendoli hanno distorto il messaggio …. comunque almeno ancora per poco (visto cosa stanno facendo al governo) siamo in un paese democratico e quindi ognuno può pensarla come vuole …mi sono solo permesso di raccontare una mia esperienza personale…scrivendo senza mettere in atto il ‘sentito dire’ saluti