Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 22, 2019

Scroll to top

Top

Calciopoli: quando all’Inter andò "lo scudetto degli onesti" - Diritto di critica

Calciopoli: quando all’Inter andò “lo scudetto degli onesti”

Anche l’Inter è coinvolta, anche l’Inter è colpevole. Anche l’Inter intratteneva rapporti volti ad assicurarle vantaggi in classifica. La relazione del procuratore federale Stefano Palazzi è impietosa: non lascia adito a dubbi e chiama in causa soprattutto l’ex presidente nerazzurro Giacinto Facchetti. La storica bandiera interista, per il suo rapporto privilegiato con i designatori arbitrali, Bergamo e Pairetto, avrebbe violato gli articoli 1 e 6 del Codice di Giustizia Sportiva. L’illecito sportivo è emerso dalle nuove intercettazioni telefoniche attraverso le quali si evince la condotta del dirigente interista volta “al condizionamento del regolare funzionamento del settore arbitrale, con la lesione dei principi di alterità, terzietà, imparzialità ed indipendenza, che dovrebbero necessariamente connotare la funzione arbitrale”.

Cosa sarebbe accaduto se queste intercettazioni fossero state al vaglio degli inquirenti nel 2006 e perché si scelse di non prenderle in considerazione. Lo scudetto della stagione 2005-2006 fu tolto alla Juventus e assegnato all’Inter dopo ‘attenta valutazione’ di un comitato di tre saggi, creato ad hoc dall’allora Commissario Straordinario della Figc, Guido Rossi. Cosa avrebbe comportato un’eventuale penalizzazione dell’Inter nel campionato o nei tornei seguenti, qualora fosse stata provata l’ eventuale condotta antisportiva del club nerazzurro?

Nell’aprile del 2010, nell’ambito dell’inchiesta ‘Calciopoli bis’, furono ammesse nuove intercettazioni e la Juventus presentò un esposto al Coni, alla Figc e alla Procura Federale chiedendo che fosse rivista la decisione di assegnare lo scudetto del 2005-2006 all’Inter. Il reato, ad oggi, s’intende prescritto, ma lo stesso procuratore Palazzi ha precisato che “alla prescrizione si può anche rinunciare”. L’Inter, dal canto suo, in questi anni si è sempre dichiarata ‘parte lesa e non è intenzionata a restituire il titolo tricolore. Moratti si è detto indignato per le accuse di Palazzi e per il riferimento al compianto Facchetti. Ancora è da valutare se il Consiglio federale, che si riunirà il prossimo 18 luglio, potrà revocare lo scudetto all’Inter.

Il quadro che emerge dalle nuove intercettazioni lacera ancor di più il mondo del calcio italiano. Rivolgersi ai designatori arbitrali prima di una gara o per ricevere trattamenti di favori era una pratica diffusa? E’ stata sempre questa la tesi difensiva di Luciano Moggi. La Juventus è stata sempre considerata, dagli inquirenti, al centro di ‘un vero e proprio sistema organizzato’, ma perché l’Inter non è stata penalizzata, così come accaduto per Milan, Lazio, Fiorentina e Reggina?

La società nerazzurra “risulta essere l’unica – precisa il procuratore Palazzi nel suo rapporto di 72 pagine – nei cui confronti possano, in ipotesi, derivare concrete conseguenze sul piano sportivo”. La Roma, giunta quinta in classifica nella stagione 2005-2006 e balzata in seconda posizione dopo le sentenze definitive, rivendica l’assegnazione ‘morale’ di quello ‘scudetto degli onesti’, visti gli ultimi sviluppi. La Juventus tace, ma l’ex presidente Cobolli Gigli vorrebbe che fossero chiarite le motivazioni che portarono all’assegnazione del tricolore all’Inter, senza che fossero prese in considerazione le intercettazioni riguardanti Facchetti e i designatori arbitrali.

Luciano Moggi, ex direttore generale della Vecchia Signora, non nasconde la sua soddisfazione per la relazione di Palazzi, convinto che l’Inter abbia “oltrepassato i limiti, con la violazione dell’articolo 6”. E pensare che la proposta di radiazione, accolta in primo grado, per Moggi, Giraudo e Mazzini, ha come fondamento la violazione del ‘solo’ articolo 1.

Comments

  1. andrea

    interessante l’inizio dell’articolo: anche l’Inter è coinvolti ANCHE L’INTER è COLPEVOLE, e si che c’è una bella differenza tra accusato e condannato. alla prescrizione si può rinunciare e da interista spero che l’Inter vi rinunci, ma una volta avviato il processo su cosa si concentrerà? su Facchetti? purtroppo è defunto… o vogliamo processare un morto?

    • Alessandro Proietti

      L’inizio dell’articolo è legato alle deduzioni di Palazzi, non certo all’ultimo grado di giudizio, nel caso fosse istituito un procedimento per accertare la responsabilità dell’Inter. Il processo sarebbe a carico di Moratti e del club..

  2. illevas

    dovrebbero ritirarsi a vita privata tutti quanti hanno contribuito, con la scusa della giustizia, a condannare solo chi era antipatico o vincente.

  3. Pasquale

    PALAZZI ? AHAHAHAHAHAHH BUFFONE COME TUTTI GLI JUVENTINI !!!!!!

    Anche Moggi e la Juve, tornati amorevolmente insieme, sfidano l’Inter a rinunciare alla prescrizione. Peccato che la Juve di Moggi, Giraudo e Agricola si sia salvata in Cassazione nel processo del doping proprio grazie alla prescrizione. Chissà se fa ancora in tempo a rinunciarvi, e se le conviene: negli anni del doping vinse tre scudetti, una Champions, due Supercoppe italiane, una Supercoppa europea e un’Intercontinentale. Non vorremmo che Pigi ne chieda la restituzione. Motu proprio.

    • MIRCO

      e negli anni di morattopoli avete rubato 4 scudetti e una champion se ti basta. pensa quante coincidenze, commissario guido rossi ex dirigente inter, intercettazioni fatte dalla società del tronchetto intercettazioni dell inter sparite e in 2 settimane c erano già le sentenze per tutti, per vincere qualcosa avete dovuto penalizzare la reggina perchè magari vincevano il campionato al posto vostro, ho visto cose in questi anni che avrebbero fatto rabbrividire anche lupin, vedi rigore su colpo di testa di couto , vedi rigore su colpo di testa di vannucchi, e potrei citarne a dozzine prima di parlare di juventus e di onestà gli interisti devono lavarsi la bocca, che avete costruito una società di buffoni capaci solo di dare la colpa agli altri della loro mediocrità, dovevate vincere una partita in 10 anni e siete riusciti a perderla contro la lazio dando poi la colpa piangendo alla juve

    • IL BARTE

      PASQUALEEEEEEE MA PALAZZI LA SETTIMANA SCORSA NON ERA UN EROE QUANDO HA CHIESTO LA RADIAZIONE DI MOGGI???
      MA PERCHE’ VOI INTERTRISTI NON METTETE INSIEME IL CERVELLO???
      DAI PROVATECI A MONTARLO NEL SENSO GIUSTO!!
      ANCHE VOI MONO NEURONICI POTETE ARRIVARCI!
      POI AGRICOLA IN PRIMO GRADO E’ STATO ASSOLTO! RESTAVA L’ACCUSA DI ABUSO DI FARMACI LECITI CHE PECCATO PER VOI NON E’ REATO!!
      POI LA CASSAZIONE HA CHIESTO LA REVISIONE DEL PROCESSO MA ERA GIA ANDATO IN PRESCRIZIONE.
      MA RICORDATI…PRIMO GRADO ASSOLTO

    • ospite

       @8c98a400b38847799f475d9eb9b653be:disqus , dovresti rileggerti bene  i documenti relativi a quel processo. 
      Forse, riesci a capire quello che fin’ora non hai capito. La Cassazione,  ha assolto, gli accusati per doping. Caso chiuso.
      Successivamente, altro caso , ha annullato l’assoluzione della Corte d’appello, ritenendo illegale, l’uso eccessivo di farmaci (no droghe), anche in mancanza di una legge che lo  vietasse. 

  4. condor juve

    inter in bbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbbb

  5. miki foggia

    “Piaccia o non piaccia” a moratti, alla figc e gli amanti di farsopoli 2006, la presa in giro degli Italiani e la scusante di chi non è Sportivo e non sa perdere, che:

    “Chi caca sotto la neve, pure se fa la buca e poi la ricopre, quanno a neve se scioje a M***A viè sempre fori” (T. Milian)……”piaccia o non piaccia”.