Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | April 19, 2014

Scroll to top

Top

Economia

Eni, Poste, Finmeccanica: il giorno delle nomine

14 aprile 2014 |

Tra poche ore verrà archiviata una delle partite più importanti per la politica e l’economia nazionale: la nomina (le prime arriveranno oggi, probabilmente dopo la chiusura di Borsa) dei vertici delle più importanti aziende di Stato quotate sul mercato e di tante altre aziende pubbliche. Si tratta di centinaia di cariche e posti di rilievo [...]Read More

Ecco il Def targato Renzi: il taglio dell’Irpef lo pagano le banche

9 aprile 2014 |

Banche e rendite finanziarie verranno tassate di più a favore di imprese e cittadini, calcolando tra loro anche gli incapienti, i quasi 4 milioni di persone che non pagano tasse (perché con reddito inferiore ad ottomila euro) e quindi necessitano di una forma di aiuto diverso dallo sconto fiscale. È questo, in estrema sintesi, il [...]Read More

L’impreditoria femminile che sconfigge la crisi

27 marzo 2014 |

Donne che fanno impresa e rispondo alla crisi rimboccandosi le maniche invece di aspettare un lavoro che non c’è. E, soprattutto, fanno impresa bene. I dati parlano chiaro: l’imprenditoria femminile fa buoni numeri, alla faccia di chi ancora sostiene la teoria del “sesso debole”, e si conferma come una potenziale risorsa economica da non sottovalutare. Lo studio: [...]Read More

L’Europa e quel 3% deficit/Pil “deciso senza un’analisi teorica”

21 marzo 2014 |

L’”inventore” del limite del rapporto del 3% tra deficit e Pil che tanto fa arrovellare i governi di tutta Europa, si chiama Guy Abeille e negli anni Ottanta era uno sconosciuto funzionario del governo di François Mitterand. Nei giorni scorsi si è diffusa una notizia tanto paradossale quanto ignorata dai più: Aujourd’hui en France Le Parisien ha [...]Read More

I conti in tasca a Renzi. Che non tornano

20 marzo 2014 |

L’ANALISI – Piano piano la retorica rivestita dall’insopportabile lessico calcistico – il pallone ormai unica metafora della politica – finirà e scopriremo che il tempo dei sorrisi è cessato.Sorrisi e magliette firmate dai campioni del football non se ne vedranno più. Le intese con la Merkel svaniranno appena scopriremo che, per i 10 miliardi da [...]Read More

Renzi e le promesse sul risanamento

27 febbraio 2014 |

Nemmeno il tempo di entrare pienamente in possesso dei propri poteri che l’esecutivo si trova davanti una serie di problemi economici non di poco conto. Dopo il discorso di Renzi, infatti, dall’Europa è giunta subito una mezza doccia fredda. Va bene che il rapporto tra deficit e Pil al 2,6% è in calo rispetto al [...]Read More

Collasso Nordest, continua la tragedia di imprenditori e lavoratori

24 febbraio 2014 |

C’era una volta il Nordest d’Italia, la locomotiva della nostra industria, il fiore all’occhiello della piccola impresa nostrana. Oggi il treno si è fermato, i piccoli imprenditori arrancano, molti pagano la disperazione con la vita, e anche se se ne parla da tanto, in realtà non se ne parla mai abbastanza. Si perché nel 2012 [...]Read More

Il sistema bancario italiano prova a salvarsi e pensa alle “banche spazzatura”. Ecco di cosa si tratta

10 febbraio 2014 |

L’ANALISI – Una ‘bad bank’ anche da noi? Dopo l’apertura del governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, la creazione di una bad bank (letteralmente: ‘banca cattiva’), sembrerebbe essere più vicina. Ma cos’è una bad bank? Si tratta di una struttura parallela alla banca vera e propria (la good bank) e creata ‘artificialmente’ allo scopo di [...]Read More

Ma uscire dall’euro sarebbe un disastro. Ecco perché

5 febbraio 2014 |

L’ANALISI – Da Grillo alla Lega, alcuni partiti chiedono di uscire dalla moneta unica. Ma se davvero si tornasse alla lira cosa accadrebbe? Le conseguenze – visto l’allineamento generale degli altri Paesi proprio all’euro – sarebbero disastrose e immediate eppure i partiti più populisti si guardano bene dal sottolineare questi aspetti, nella consapevolezza che mai [...]Read More

Decreto Imu-Bankitalia, ecco tutto ciò che serve sapere

3 febbraio 2014 |

L’ANALISI – Cosa accade con la rivalutazione delle quote di Bankitalia ancora ferme ai 156 mila euro di valore del 1936, i vecchi e “tanto cari” 300 milioni di lire? Si tratta davvero, come detto, solo di un regalo alle banche? O c’è dell’altro? Dalle sferzanti accuse di truffa ai danni degli italiani, col passare [...]Read More